Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate

La scienza sul serio

Ciclo di conferenze su temi scientifici presentate ad un pubblico non specializzato

Days
Hours
Minutes
Seconds

Gli eventi

Con questo progetto il Dipartimento di Ingegneria e Scienze Applicate dell’Università di Bergamo propone una serie di conferenze tematiche presso l’auditorium del Comune di Albino, in val Seriana, area sinonimo di lavoro industriale e d’innovazione tecnologica.
Le conferenze rappresentano iniziative di divulgazione scientifica per permettere l’accesso, al più ampio pubblico possibile, alle più recenti scoperte in diversi settori, da quelli dell’energia e dell’elettronica, fino all’edilizia ed alla chimica destinata al tessile.
L’obiettivo è quello di promuovere la comprensione della scienza e delle sue applicazioni da parte del pubblico, stimolandone l’attenzione anche verso le ricadute sociali. 

Relatori

Valerio Re
Giuseppe Franchini
Andrea Belleri
Alessandra Marini
Paolo Riva
Alessio Cardaci
Giuseppe Rosace

Calendario

Calendario Eventi

28.09.2018-17.30

Valerio Re

Bergamo al Cern nuove tecnlogie microelettroniche per la fisica delle alte energie a LHC

Gli esperimenti di fisica delle alte energie al Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra indagano le leggi fondamentali dell’universo, cercando risposte a grandi problemi della scienza contemporanea come l’origine della massa, la natura della materia oscura, la possibile esistenza di extradimensioni. In questo evento si discuteranno gli scopi, i risultati principali e le prospettive per il prossimo decennio degli esperimenti a LHC. Sarà messo particolarmente in luce il ruolo cruciale che avranno le nuove tecnologie microelettroniche nell’assicurare il successo delle attività sperimentali quando nei prossimi anni LHC sarà spinto a prestazioni estreme.

23.11.2018-17.30

Andrea Belleri – Alessandra Marini – Paolo Riva

Terremoto:  nuove sfide per una riqualificazione del patrimonio edilizio esistente
“Abbiamo un’idea del terremoto come di qualcosa più grande di noi, contro cui non possiamo far nulla. Invincibile. Il terremoto arriva e decide, si prende vite, distrugge case, ferisce profondamente intere comunità. […] È questione di “fortuna” oppure questa “fortuna” possiamo “costruircela”?” (Prof.ssa A. Marini) A partire da considerazioni sulle vulnerabilità sismiche del patrimonio edilizio italiano, come possiamo giungere a una nuova consapevolezza del rischio sismico, quali sono le nostre responsabilità al riguardo e quali azioni possiamo mettere in atto per trasformare il patrimonio esistente in patrimonio resistente.

30.11.2018-17.30

Alessio Cardaci

Il progetto di conoscenza: il rilievo per la conservazione e
la valorizzazione del Patrimonio Culturale

È inscindibile il legame tra conoscenza e progetto dell’esistente, sia per leggere la consistenza fisica, materica e patologica dell’architettura, sia per intenderne le componenti, le stratificazioni e i segni del tempo che hanno reso la fabbrica un monumento unico e irriproducibile’. Il rilievo per l’intervento sul costruito, inteso nella sua più ampia accezione di strumento di comprensione per la conservazione, è un “progetto nel progetto” finalizzato alla lettura e alla interpretazione dell’edificio che mira a fornire ogni possibile informazione per intervenire in modo puntuale e corretto sulla materia, sui fenomeni e sulle cause generatrici del degrado.

07.12.2018-17.30

Giuseppe Rosace

L’utilizzo delle nanotecnologie nel futuro dei materiali tessili

Le nanotecnologie rappresentano un approccio innovativo alle scienze e all’ingegneria dei materiali e costituiscono uno degli strumenti multidisciplinari più promettenti e rilevanti per realizzare ritrovati profondamente innovativi nei vari settori merceologici. Per quanto riguarda i tessuti, il controllo nanometrico della materia introduce una modalità assolutamente innovativa nell’utilizzo industriale della chimica, della fisica e della biologia per sviluppare trattamenti altamente performanti. Nel corso dell’incontro saranno introdotti e discussi i risultati più interessanti raggiunti nella filiera della nobilitazione tessile grazie alle nanotecnologie.

14.12.2018-17.30

Valerio Re

Sensori di immagini per nuove scoperte scientifiche con l’ultima generazione di sorgenti di raggi X

In alcuni centri di ricerca in Europa, America e Asia è oggi possibile generare raggi X ad altissima intensità e luminosità, grazie ai quali si ricavano immagini di atomi e di molecole e si studiano così le strutture e i processi all’interno di materiali tecnologicamente avanzati, di cellule viventi, di virus. In questi apparati vengono Sono utilizzati strumenti di misura che operano come fotocamere ad altissima velocità e risoluzione, e sono in grado di girare film di reazioni chimiche e di processi biologici come la fotosintesi. Durante questo incontro si discuteranno le tecniche con cui vengono generati questi raggi X, e le opportunità che si aprono in diversi campi della tecnologia e della scienza. Verrà inoltre messo in evidenza il ruolo cruciale svolto dai sensori a pixel in silicio e dai sistemi microelettronici di ultima generazione sviluppati dall’Università di Bergamo per rivelare ed elaborare i segnali generati dai raggi X.

21.12.2018-17.30

Giuseppe Franchini

Le energie rinnovabili e la salvaguardia dell’ambiente

L’intervento mira a fornire una panoramica delle tecnologie disponibili oggi sul mercato per l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili. A seguire verrà presentato un caso applicativo riguardante il primo edificio EnergyPlus realizzato nell’Emirato di Dubai, in grado di sopperire a tutti i fabbisogni energetici sfruttando esclusivamente energia solare.

Dove trovarci

Auditorium del Comune di Albino

In collaborazione con